Venerdì  11 Novembre presso il cinema Metropolis di Umbertide, si è tenuta l’anteprima del film scritto e diretto da Joel Anitori, “Franky”.

“Franky” è l’opera prima del regista umbro Joel Anitori, già autore di alcuni cortometraggi, che ha fatto di questo film una sorta di dichiarazione alla propria regione, ai suoi paesaggi e alle storie che vi nascono.

“Franky” è anche il primo film prodotto dalla Baburka Production, orgoglio e pezzetto del nostro cuore. Sì perché girare questo film è stata una delle più emozionanti esperienze per la nostra produzione, non solo perché abbiamo potuto gustare la favolosa cucina della madre del regista (abbiamo preso tutti almeno cinque chili!), ma perché ogni singolo membro della troupe e del cast artistico ha messo il cuore in un progetto sincero e delicato.

L’anteprima di venerdì, dove hanno partecipato tutti coloro che hanno preso parte al film, amici e parenti, è stata la conferma degli enormi ma piacevoli sforzi di tutti per portare sullo schermo questo piccolo gioiellino.

“Franky” è anche la conferma che non servono per forza i milioni per fare un ottimo film, non servono i soliti attori e attrici famosi. La passione e un progetto in cui si crede sono gli elementi fondamentali alla base di una produzione audiovisiva. Ovviamente un supporto economico è importante, ma non è la condizione necessaria per la qualità del prodotto. Anzi.

“Franky” è la prova che il cinema italiano può cambiare (modestia a parte, ovviamente), che sta cambiando e che il cinema indipendente è più forte di quello che sembra perché probabilmente è l’unico cinema meritevole di essere chiamato tale. Almeno qui in Italia a quanto pare.