Nella notte del 7 gennaio si è svolta a Los Angeles la 75esima edizione dei Golden Globe, uno dei più importanti premi statunitensi per la televisione e il cinema, spesso vera e propria anticipazione degli Oscar.

Quella che sarà ricordata come la premiazione dei Golden Globe più politica di sempre ha visto sfilare in nero la maggior parte delle star presenti. Il colore del lutto è stato scelto dalle donne dello spettacolo come segno di protesta in seguito allo scandalo del caso Weinstein, allargatosi a macchia d’olio verso molte altre personalità dello show-business hollywoodiano (e non solo). La serata, inoltre, ha rappresentato anche la prima uscita pubblica del movimento “Time’s Up”, sostenuto da molte attrici americane di spicco, sorto per raccogliere fondi da destinare al sostegno di cause legali che riguardano donne e uomini molestati sul posto di lavoro. Il filo conduttore dell’intera serata, per tanto, non poteva che riguardare la violenza e gli abusi sulle donne, dopo i casi scoppiati in maniera fragorosa nel corso degli ultimi mesi, che hanno coinvolto produttori, attori e registi, e che hanno dato il coraggio ad altre vittime di farsi avanti per denunciare. I premi sono quasi passati in secondo piano con dei retroscena così scottanti e dei temi così urgenti, citati senza peli sulla lingua anche dal monologo introduttivo di Seth Meyers, che ha condotto la premiazione.

Anche fra i vincitori ha prevalso il mondo femminile, in un certo senso. Da sempre divisi nelle due categorie Drama e Comedy/Musical, i Golden Globe hanno visto il trionfo come Miglior Film Drammatico di “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”, premiato anche per l’interpretazione di Frances McDormand (Miglior Attrice Protagonista) nei panni di una donna ferocemente tenace, disposta a tutto pur di trovare il colpevole dello stupro e dell’omicidio della propria figlia. Il film firmato da Martin McDonagh ha portato a casa anche il premio per il Miglior Attore non Protagonista (Sam Rockwell) e quello per la Miglior Sceneggiatura, scritta dallo stesso regista. Guillermo Del Toro è stato premiato per la regia de “La forma dell’acqua”, grande sconfitto che ha raccolto solo due Globes su ben sette nominations. Le storie femminili sono protagoniste anche nella categoria commedia, dove a vincere come miglior film è “Lady Bird”, diretto e sceneggiato da Greta Gerwig, svincolandosi per la prima volta dal compagno di vita e di scrittura Noah Baumbach, per realizzare un film che racconta la sorprendente scoperta del teatro da parte di una ragazza all’ultimo anno di liceo e del suo complicato rapporto con la madre. La giovane protagonista Saoirse Ronan è stata premiata come Miglior Attrice Protagonista, mentre sul fronte maschile il Globe è andato a James Franco per la sua interpretazione in “The Disaster Artist”, da lui anche diretto.

Da registrare la delusione italiana di “Chiamami col tuo nome” di Luca Guadagnino, rimasto a mani vuote nonostante le tre nominations, ma con qualche fiammella di speranza ancora accesa in ottica Oscar. Il miglior film straniero è andato al tedesco “Oltre la notte” di Fatih Akin, mentre anche sul versante televisivo sono state le serie al femminile a trionfare. “The Handmaid’s Tale” e “The Marvelous Mrs. Maisel” si sono aggiudicate rispettivamente i premi come Miglior Serie Drama e Comedy e quelli per le migliori attrici protagoniste (Elizabeth Moss e Rachel Brosnahan). “Big Little Lies”, invece, ha vinto come Miglior Miniserie, grazie anche alle sue straordinarie interpreti femminili coinvolte in un giallo da risolvere.

Nel corso della serata, c’è stato anche il riconoscimento alla carriera di Oprah Winfrey che ha parlato in maniera accesa ed emozionante dell’importanza del premio per gli afroamericani e per le donne dello spettacolo. Un discorso che ha lasciato il segno su una cerimonia che verrà ricordata molto a lungo proprio per il suo spirito di denuncia, per il coraggio e la forza dimostrata dalle parole delle donne premiate.

Ecco la lista completa dei vincitori dei Golden Globes 2018 per il cinema:

Miglior film drammatico:
Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Chiamami col tuo nome
Dunkirk
The Post
The Shape of Water

Miglior film commedia o musicale:
Lady Bird

The Disaster Artist
Scappa – Get Out
The Greatest Showman
I, Tonya

Miglior regista:
Guillermo Del Toro per The Shape of Water

Martin McDonagh per Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Christopher Nolan per Dunkirk
Ridley Scott per Tutti i soldi del mondo
Steven Spielberg per The Post

Miglior attrice in un film drammatico:
Frances McDormand per Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Jessica Chastain per Molly’s Game
Sally Hawkins per The Shape of Water
Meryl Streep per The Post
Michelle Williams per Tutti i soldi del mondo

Miglior attrice in un film commedia o musicale:
Saorsie Ronan per Lady Bird

Judy Dench per Vittoria e Abdul
Helen Mirren per Ella & John
Margot Robbie per I, Tonya
Emma Stone per La battaglia dei sessi

Migliori attore in un film drammatico:
Gary Oldman per
L’ora più buia

Timothée Chalamet per Chiamami col tuo nome
Daniel Day Lewis per Il filo nascosto
Tom Hanks per The Post
Denzel Washington per Roman J Israel, Esq

Miglior attore in un film commedia o musicale:
James Franco per The Disaster Artist

Steve Carell per La battaglia dei sessi
Ansel Elgort per Baby Driver
Hugh Jackman per The Greatest Showman
Daniel Kaluuya per Scappa – Get Out

Miglior attrice non protagonista:
Allison Janney per I, Tonya

Mary J. Blige per Mudbound
Hong Chau per Downsizing
Laurie Metcalf per Lady Bird
Octavia Spencer per The Shape of Water

Miglior attore non protagonista:
Sam Rockwell per Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Willem Dafoe per The Florida Project
Armie Hammer per Chiamami col tuo nome
Richard Jenkins per The Shape of Water
Christopher Plummer per Tutti i soldi del mondo

Miglior film straniero:
Oltre la notte

Una donna fantastica
Per primo hanno ucciso mio padre
Loveless
The Square

Miglior film d’animazione:
Coco

Baby Boss
The Breadwinner
Ferdinand
Loving Vincent

Miglior Sceneggiatura:
Martin McDonagh per Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Guillermo del Toro e Vanessa Taylor per The Shape of Water
Greta Gerwig per Ladybird
Liz Hannah e Josh Singer per The Post
Aaron Sorkin per Molly’s Game

Miglior colonna sonora:
Alexander Desplat per The Shape of Water

Carter Burwell per Tre manifesti a Ebbing, Missouri
Johnny Greenwood per Il filo nascosto
John Williams per The Post
Hans Zimmer per Dunkirk

Ecco la lista completa dei vincitori per la TELEVISIONE:

MIGLIOR SERIE – DRAMA
Il Trono di Spade
Stranger Things
The Crown
The Handmaid’s Tale
This Is Us

MIGLIOR SERIE – COMEDY O MUSICAL
Black-ish
Master of None
SMILF
The Marvelous Mrs. Maisel
Will & Grace

MIGLIORE ATTORE IN UNA SERIE – DRAMA
Jason Bateman, Ozark
Sterling K Brown, This Is Us
Freddie Highmore, Bates Motel
Bob Odenkirk, Better Call Saul
Liev Schreiber, Ray Donovan

MIGLIORE ATTRICE IN UNA SERIE – DRAMA
Caitriona Balfe, Outlander
Claire Foy, The Crown
Maggie Gyllenhaal, The Deuce
Katherine Langford, Tredici
Elisabeth Moss, The Handmaid’s Tale

MIGLIORE ATTORE IN UNA SERIE – COMEDY O MUSICAL
Anthony Anderson, Black-ish
Aziz Ansari, Master of None
Kevin Bacon, I Love Dick
William H. Macy, Shameless
Eric McCormack, Will & Grace

MIGLIORE ATTRICE IN UNA SERIE – COMEDY O MUSICAL
Pamela Adlon, Better Things
Alison Brie, GLOW
Rachel Brosnahan, The Marvelous Mrs. Maisel
Issa Rae, Inseucre
Frankie Shaw, SMILF

MIGLIOR MINISERIE O FILM TV
Big Little Lies
Fargo
FEUD: Bette and Joan
The Sinner
Top of the Lake: China Girl

MIGLIORE ATTORE IN UNA MINISERIE O FILM TV
Robert De Niro, The Wizard of Lies
Jude Law, The Young Pope
Kyle MacLachlan, Twin Peaks
Ewan McGregor, Fargo
Geoffrey Rush, Genius

MIGLIORE ATTRICE IN UNA MINISERIE O FILM TV
Jessica Biel, The Sinner
Nicole Kidman, Big Little Lies
Jessica Lange, FEUD: Bette and Joan
Susan Sarandon, FEUD: Bette and Joan
Reese Witherspoon, Big Little Lies

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE, MINISERIE O FILM TV
David Harbour, Stranger Things
Alfred Molina, FEUD: Bette and Joan
Christian Slater, Mr. Robot
Alexander Skarsgard, Big Little Lies
David Thewlis, Fargo

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE, MINISERIE O FILM TV
Laura Dern, Big Little Lies
Anne Dowd, The Handmaid’s Tale
Chrissy Metz, This Is Us
Michelle Pfeiffer, The Wizard of Lies
Shailene Woodley, Big Little Lies

Domenico del Mastro